Blog: http://vulcanochimico.ilcannocchiale.it

POESIE...I PORTATORI DI SOGNI


Tutte le profezie raccontano

 Che l'uomo creerà la propria distruzione.

 Ma i secoli e la vita che sempre si rinnova

 Hanno anche generato una stirpe di amatori e sognatori;

 uomini e donne che non sognano la distruzione del mondo,

 ma la costruzione di un mondo pieno di farfalle e usignoli.

 Li hanno chiamati illusi, romantici, pensatori di utopie,

 hanno detto che le loro parole sono vecchie

 e in effetti lo sono,

 perché la memoria del paradiso è antica

 nel cuore dell'uomo.

 Sono pericolosi - stampavano le grandi rotative

 Sono pericolosi - dicevano i presidenti nei loro discorsi

 Sono pericolosi - mormoravano gli artefici di guerra

Bisogna distruggerli- stampavano le grandi rotative

 Bisogna distruggerli - dicevano i presidenti nei loro discorsi

Bisogna distruggerli - mormoravano gli artefici di guerra

 I portatori di sogni conoscevano il loro potere

 e perciò non si sorprendevano.

E sapevano anche che la vita li aveva generati

 per proteggersi dalla morte annunciata dalle profezie.

 E perciò difendevano la loro vita anche con la morte.

 E perciò coltivavano giardini pieni di sogni

 che esportavano con grandi nastri colorati;

 e i profeti dell'oscurità passavano notti e giorni interi

 controllando tutti i passaggi ed i sentieri,

 cercando quei carichi pericolosi

 che non hanno mai potuto intercettare,

 perché chi non ha occhi per sognare

 non vede i sogni né di giorno né di notte.

 E nel mondo si è scatenato un gran traffico di sogni

 che i trafficanti della morte non riescono a bloccare;

 e dappertutto ci sono quei pacchetti con grandi nastri colorati

 che solo questa nuova stirpe di veri esseri umani può vedere

 E i semi dei loro sogni non si possono scoprire

 perché vanno avvolti in rossi cuori

 o in larghi vestiti di maternità

 dove i piedini sognatori caprioleggiano nei ventri che li vogliono portare.

Gioconda Belli-

Pubblicato il 22/5/2016 alle 7.43 nella rubrica Poesie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web