Blog: http://vulcanochimico.ilcannocchiale.it

La memoria è un dovere..."Se comprendere è impossibile,conoscere è necessario"


“…La nostalgia pesava soltanto quando i bisogni elementari erano soddisfatti,la nostalgia è un dolore umano,un dolore ragionevole,un dolore al di sopra della cintola che riguarda l’uomo pensante che gli animali non conoscono e la vita del lager era animalesca e le sofferenzeche prevalevano erano animalesche per la mancanza del cibo,del freddo per essere mal coperti,ed essere picchiati,percossi quasi tutti i giorni,quasi tutte le ore,ma anche un asino soffre per le percosse,per la fame,per il freddo,anche un cane .E quando nei rari momenti in cui capitava ,che le sofferenze primarie cessassero,qualche volta capitava,molto di rado e allora affiorava questa altra categoria di sofferenze,tra cui la nostalgia. la nostalgia, la sofferenza dell’esilio,della famiglia perduta,del pericolo,della paura della morte anche”...
-Primo Levi-
« La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. »


-da "La vita è bella"di Roberto Benigni-
-Vulcanochimico-

Pubblicato il 26/1/2010 alle 16.34 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web