Blog: http://vulcanochimico.ilcannocchiale.it

Film...“Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto”


Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto (1970) è un film del regista Elio Petri, scritto e sceneggiato con Ugo Pirro, le musiche di Ennio Morricone. Gli interpreti principali del film sono Gian Maria Volontè e Florinda Bolkan. Il capo della Squadra Omicidi(Gian Maria Volontè) di una grande città italiana, soprannominato "il dottore", per l'efficienza dimostrata in servizio è promosso dirigente dell'Ufficio Politico della Questura. Nel medesimo giorno della promozione, l'alto funzionario, che dietro l'apparente sicurezza e disinvoltura nasconde una psicologia disturbata, uccide Augusta Terzi(Florinda Bolkan), sua amante, con la quale ha instaurato un rapporto sadico. Sicuro di essere al di sopra di ogni sospetto per la posizione di potere che occupa, il poliziotto semina volutamente tracce e indizi a proprio carico. Come previsto, le indagini intraprese dai colleghi della Omicidi non lo toccano, ignorando le sue evidenti provocazioni. Soltanto Antonio Pace(Sergio Tramonti), uno studente anarchico indivisualista, fermato per un attentato dinamitardo alla questura, personalmente "interrogato" dall'ispettore, in privato, essendo testimone dell’omicidio, ha il coraggio di dirgli che lo riconosce come assassino della donna, ma non lo denuncia per poterlo ricattare, infatti, durante l’interrogatorio esclama”Un criminale a guidare la repressione,è perfetto!”viene perciò rilasciato. Preso da un delirio autopunitivo, l'ispettore consegna ai colleghi della Omicidi una lettera di confessione. Quindi rientra a casa e nella sua immaginazione malata fantastica le diverse conclusioni della vicenda,in particolare sogna di essere costretto dai suoi superiori a firmare la confessione della propria innocenza. Quando l’ispettore si sveglia trova le alte cariche della polizia e il vero finale,che il regista non palesa chiaramente. Gran parte del successo del film si deve alla grandiosa interpretazione di Gian Maria Volontè nel suo modo di parlare, lirico e teatrale nei confronti dei sottoposti o dei comuni mortali, umile e sottomesso nei confronti dei superiori,nella sua gestualità,nel suo modo di vestire. Da rilevare inoltre che il film è stato vincitore del Gran Prix Speciale della Giuria al Festival di Cannes nel 1970,di due David di Donatello come miglior film e come migliore attore protagonista e nel 1971 del premio Oscar come miglior film in lingua straniera.

-video tratti da "Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto"di E.Petri-

Un saluto e una buona domenica...a presto
-Vulcanochimico-

Pubblicato il 10/5/2009 alle 9.37 nella rubrica Film.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web