Blog: http://vulcanochimico.ilcannocchiale.it

Canzoni...Maramao e... i tanti interrogativi

 Maramao il celebre motivetto degli anni '30 cantata dal Trio Lescano,che ascoltate in sottofondo, ha posto ieri ed oggi tanti interrogativi,uno di questi ve lo propongo con un piacevole articolo scritto da Alfio Tarullo:
                                                 Maramao perché sei morto ?
I versi del refrain della celebre canzonetta italiana degli anni quaranta sono tratti da una ballata popolare barese ?
                                                       -----oooOooo-----
Nell'Italietta fascista degli anni quaranta, prima dell'entrata in guerra e durante il conflitto bellico, tra le tante insipienti canzonette scacciapensieri , furoreggiava il motivetto, orecchiabile e ritmato, del maestro Panzeri, su testo del paroliere M.C.Consiglio: La canzone si chiamava "Maramao"(anno 1939-Ediz.Melodi) ; il refrain della canzonetta, che tutti fischiettavano come antidoto alle angosce della guerra in corso, recitava così, nel suo vacuo nonsenso : """ Maramao, perchè sei morto? - pane e vin non ti mancava - l'insalata era nell'orto- ma una casa avevi tu """ ( Maramao era un gatto...)
Era il lamento d'una padroncina per la morte del gattino che aveva pane, vino e insalata, insomma una bestiola a cui non mancava niente ( era libera la caccia ai topi, si sottintende, nel giardino di casa) eppure era morta. Versetti stupidi, si disse, ma originali e buffi: distoglievano il pensiero dagli affanni quotidiani che affliggevano gli italiani "in guerra". Siano lodi al maestro Panzeri e al paroliere M. Consiglio.
Ma ecco il colpo di scena , altro che versetti da Italietta :                                                              Leggevo, qualche giorno fa, un libro di Antonio Lucarelli, insigne professore e storico del Risorgimento, nato ad Acquaviva delle Fonti , nel 1874, la cui prima edizione venne edita a Bari nel 1922 "Il sergente Romano", storia del brigantaggio politico in Puglia dopo il 1860 ed ho scoperto che ... ma leggiamo quanto riportato da Lucarelli (la presente riedizione é pubblicata dall'editrice Palomar di Bari nel 2003) a pag.108 del volumetto allorché scrive dei vari briganti ,fra i quali Riccardo Colasuonno (detto Ciucciariello) di Andria e del cordoglio patriottico- reazionario per la loro morte fra i ceti popolari che compiangeva i partigiani del Borbone :"" di quasi tutti codesti briganti è ancor viva la memoria nel popolino di Puglia. Parrà strano; ma proprio di questi giorni ho sentito cantare da una donna del volgo, qui a Bari, una strofe del tenore seguente :
Ciucciarielle, peccè si muerte ? - Pane e vine non t'è mancate - La 'nzalate stè all'uérte - Ciucciarelle, peccè si muerte ? ""
Quindi diciassette anni prima di <<Maramao perché sei morto, ballata funebre in onore d'un gattino padronale>>, a Bari si cantava "Ciucciarielle peccè si muerte" , ma quel che colpisce è il riferimento, in entrambe le canzonette, al pane e vino che non mancava e all'insalata che era nell'orto.
Se si tratta di una coincidenza è davvero sbalorditiva...
Se invece non lo è, il buon paroliere Consiglio come faceva a conoscere la ballata popolare pugliese che Antonio Lucarelli asserisce nel 1922 (epoca di pubblicazione del libro) aver sentito cantare da una donna a Bari ? Certamente l'avrà udita intonare da qualche nostra bella popolana avvezza a canticchiare per strada, come tant'altre donne del volgo : allora s'usava,e questi canti tradizionali rendevano il vivere più lieto (o meno tragico!)
Allora : Maramao perchè sei morto ? E' posteriore a Ciucciariello, il brigante Colasuonno ucciso dai Piemontesi...-Alfio Tarullo-
Maramao,un motivetto banale,ma che racconta molta storia,era considerata infatti una canzone delle cosidette "canzoni della fronda" e F.De Gregori ha dichiarato:"Io non avrei mai sospettato che una canzone come 'Maramao perché sei morto?' potesse procurare dei problemi con la censura". Altre notizie e interrogativi li potete leggere Qui
                                      Un caro saluto a tutti e una buona giornata
                                                          -Vulcanochimico
-

 

Pubblicato il 16/12/2007 alle 8.21 nella rubrica Canzoni.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web