Blog: http://vulcanochimico.ilcannocchiale.it

Film..."Quarto Potere"....Il decadimento delle ambizioni umane

 
-"Citizen Kane"di Orson Welles-1941

Quarto Potere”(1941), titolo originale Citizen Kane è un film scritto, diretto e interpretato da Orson Welles(*), capolavoro indiscusso è stato terminato da Welles a soli 26 anni; è il suo primo lungometraggio ed è da sottolineare la novità della forma espressiva e la profondità del contenuto di questa pellicola. Il titolo in italiano “Quarto Potere” allude alla forza impetuosa che può avere la stampa con i suoi pettegolezzi e i suoi scandali di costruire o distruggere la carriera degli uomini politici. Il film narra la storia di Charles Foster Kane,magnate dell’editoria american. In particolare racconta l’ascesa e la caduta di un personaggio capace di accumulare fortune, di tessere grandi intrighi, di decidere il destino degli altri. La genialità di Welles sta nel fatto che ci presenta la storia non tutta di seguito, ma inizia dalla fine, ossia dalla morte del protagonista avvenuta all’interno della sua sontuosa dimora in rovina, chiamata <<Xanadu>>. Prima di morire Kane sussurra una parola: ”Rosebud”(bocciolo di rosa).Il giornalista Jerry Thompson decide così di incontrare tutte le persone importanti, vissute all’ombra del magnate, a partire dalla seconda moglie e dai suoi collaboratori più stretti. Il ritratto di Kane emerge come un puzzle con tante tessere che si incontrano a poco a poco e Welles usa a ripetizione la tecnica del flash-back. Si rivede così l’infanzia povera di Kane, l’arrivo della sua immensa fortuna, la scalata al successo e ai mezzi d’informazione, i difficili rapporti con le donne e la sua incapacità di concepire l’amore come un dono e non come possesso, la decadenza. L’immagine conclusiva è proprio quella della slitta con cui giocava da piccolo e su di essa appare la scritta “Rosebud”. Nonostante sia trascorso più di mezzo secolo il film, non ha perso il suo fascino e proprio la struttura ad incastro sopra accennata, fa sì che sia preso come modello di modernità.-Vulcanochimico-
“Questo film lo abbiamo amato totalmente perché era un film totale: psicologico, sociale, poetico, drammatico, comico, barocco. Citizen Kane è nello stesso una dimostrazione della volontà di potenza, un inno alla giovinezza e una meditazione sulla vecchiaia, un saggio sulla vanità di ogni ambizione umana e contemporaneamente un poema sul decadimento e, dietro tutto questo, una riflessione sulla solitudine degli esseri eccezionali, geni o mostri, mostruosi geni.” -François Truffaut,tratto da I film della mia vita-

(*)Orson Welles (Kerosha 6 maggio 1915-Hollywood 10 0ttobre 1985)è stato un genio precoce. Ragazzo prodigio esordì giovanissimo come attore, dedicandosi soprattutto alla sua grande passione: il teatro di W.Shakespeare.Nel 1938 stupì il pubblico degli Stati Uniti d’America con una trasmissione radiofonica, nella quale annunciò con inimmaginabili effetti di psicosi collettiva lo sbarco dei marziani sulla terra. Tra i suoi film ricordiamo oltre a Quarto potere, La ragazza di Shangai, Lo straniero, La stella del sud, Il processo, Otello, L’altra faccia del vento ecc. solo per ricordarne alcuni.

Pubblicato il 26/11/2007 alle 15.49 nella rubrica Film.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web