.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


30 settembre 2011

Poesie...Con fuoco


Con fuoco d'occhi un nostalgico lupo
Scorre la quiete nuda.

Non trova che ombre sul cielo di ghiaccio,

Fondono serpi fatue e brevi viole.
-G.Ungaretti-
 




26 settembre 2011

Poesie...Quando l'erba crescerà sulla mia tomba

Quando l'erba crescerà sulla mia tomba,
sia lì il segno che mi si dimentichi del tutto.
La Natura mai si ricorda, per questo è bella.
e se si prova il bisogno morboso di "interpretare"
L'erba verde sulla mia tomba,
dite pure che continuo a verdeggiare e ad essere naturale.
Credo al mondo come a una margherita,
perché lo vedo... Ma non penso ad esso,
perché pensare ad esso non è capirlo...
Il Mondo non si è fatto perché noi pensiamo a lui,
(pensare fa male agli occhi)
ma perché lo guardiamo con un senso di accordo...
Io non ho filosofia, ho dei sensi.
Se io parlo della Natura, non è che sappia ciò che è,
ma perché l'amo, e l'amo per la ragione
che colui che ama mai non sa quel che ama,
né sa perché ama, né cos'è amare.
Amare è l'innocenza eterna,
e l'unica innocenza è quella di non pensare.
-Fernando Pessoa-

 

 




22 settembre 2011

Poesie...La gente che mi piace

-

-Jack Vettriano-

Mi piace la gente che vibra
che non devi continuamente sollecitare
e alla quale non c’è bisogno di dire cosa fare
perché sa quello che bisogna fare e lo fa.
Mi piace la gente che sa misurare
le conseguenze delle proprie azioni,
la gente che non lascia le soluzioni al caso.

Mi piace la gente giusta e rigorosa,
sia con gli altri che con se stessa,
purché non perda di vista che siamo umani
e che possiamo sbagliare.

Mi piace la gente che pensa
che il lavoro collettivo, fra amici,
è più produttivo dei caotici sforzi individuali.

Mi piace la gente che conosce
l’importanza dell’allegria.

Mi piace la gente sincera e franca,
capace di opporsi con argomenti sereni e ragionevoli.

Mi piace la gente di buon senso,
quella che non manda giù tutto,
quella che non si vergogna di riconoscere
che non sa qualcosa o si è sbagliata

Mi piace la gente che, nell’accettare i suoi errori,
si sforza genuinamente di non ripeterli.

Mi piace la gente capace di criticarmi
costruttivamente e a viso aperto:
questi li chiamo “i miei amici”.

Mi piace la gente fedele e caparbia,
che non si scoraggia quando si tratta
di perseguire traguardi e idee.

Mi piace la gente che lavora per dei risultati.
Con gente come questa mi impegno a qualsiasi impresa,
giacché per il solo fatto di averla al mio fianco
mi considero ben ricompensato.

-Mario Benedetti-




19 settembre 2011

Sui cibi e sulle bevande...I consigli di Archestrato sulla Leccia Amia

(…)L’amia in autunno, quando son calate
Ver l’occaso le Plejadi, apparecchia
Come ti piace: e perchè dir più oltre?
Quella guastare, se ne avrai pur voglia,
Tu non potrai. Ma se desir ti spinge,
O caro Mosco, di sapere il modo
Con cui vien più gustosa, io pur dirollo.
Nelle foglie di fico la prepara
Con rigamo non molto, senza cacio,
Senz’altro untume; quando l’hai sì concia
Semplicemente, in mezzo a quelle foglie
L’avvolgi, e sopra legala con giunco.
Mettila poscia sotto il cener caldo,
E colla mente va cogliendo il tempo
Che sia bene arrostita, e statti all’erta
Di non farla bruciar: ma t’abbii quella
Dell’amena Bizanzio se eccellente
Aver la vuoi; buona la trovi ancora
Se a Bizanzio vicino ella è pescata;
Ma se ti scosti più di gusto manca;
E se del mare egeo passi lo stretto,
Tanto di quella nel sapor diversa

Ritrovando s’andrà, che scorno reca
Alle lodi da me fattele in pria.(…)

-Archestrato di Gela-
 
 
 
Curiosità sulla Leccia Amia
 La leccia amia il cui nome scientifico è Lichia amia,appartiene alla famiglia dei Carangidi, La leccia amia ha il corpo ovale fortemente compresso. Il muso è conico e termina con un’ampia bocca armata di piccoli denti. In prossimità della pinna dorsale vi sono alcuni piccoli aculei,la seconda pinna dorsale ha i raggi molli, alta all’inizio e si allunga fino al peduncolo caudale. La coda è grande e forcuta mentre la pinna anale è simile alla dorsale ed è preceduta da due aculei. Di sviluppo medio le altre pinne. Caratteristica della leccia amia è la linea laterale che, al di sopra delle pettorali disegna una “S”. Oltre alla leccia amia vi è la leccia stellata, più piccola della leccia amia,ha capo più breve, bocca piccola e pinne più sviluppate, alte e appuntite,con scaglie molto piccole, tinte più scure e quattro macchie grigio scuro lungo la linea laterale.La leccia amia è un pesce pelagico,pertanto si muove velocemente ed è un grande predatore, imponente nelle dimensioni,infatti,raggiunge taglie di tutto rispetto,un metro e mezzo di lunghezza per 30 chilogrammi di peso ed anche più,è vorace. Si ciba dei "piccoli" pesci in particolare predilige i cefali, ma non disdegna aguglie e leccie stella. Alla ricerca di queste prede si riversa sotto riva manifestando uno sprezzante senso del pericolo. Questo pesce è presente in tutto il Mediterraneo e nell’Atlantico,le sue carni sono apprezzate per il sapore delicato,in commercio oltre che fresca si trova anche congelata,affumicata,salata ed essiccata.
Sinonimi e denominazioni dialettali
Gibiola, Leccia amica, Lizza, Serrenia(Italiano); Aliccia, Alice mezzana, Alice rigata(Marche); Aliciastra(Calabria); Aluzzo(Toscana); Arciola(Puglia); Cagnola(Sicilia); Cavagnòla(Calabria); Cerviòla, Cirviòla, Cirviola 'mperiali(Sicilia); Gaiola(Calabria); Gibbiola, Gibiòla(Sicilia); Leccia(Lazio,Liguria,Toscana); Leccie(Abruzzo); Lezza(Liguria,Sardegna); Liccia(Abruzzo,Lazio); Lisa(Venezia G.); Lissa(Abruzzi,Veneto,Venezia G.); Lissa mezzana(Marche); Liza(Venezia G.); Lizza(Marche,Sardegna,Veneto,Venezia G.); Lizza bastarda(Veneto); Lizzu(Sardegna); Lupina(Puglia); Ombrina leccia, Ombrina stella(Lazio); Pesce stella(Campania)Ricciola(Calabria,Campania); Scifaiola(Sicilia); Serena, Serreina, Serrenia, Serretta(Liguria); Sfodero(Sicilia); Sibiòla(Sicilia); Sirviola(Sardegna); Spotàri, Stiddula, Stillotta(Sicilia).
Denominazioni straniere
INGLESE:Leer-fish, Garrick.
FRANCESE :Caranga, Fausse palomète, Grande liche, Liche,Liche amie, Lichié amie, Lich né-bé, Lichio, Licho, Lechio, Leccia, Litcha.
TEDESCO:Gabelmakrele, Große Gabelmakrele, Lichia, Stachelmakrele.
SPAGNOLO:Colomida, Serviola, Palomida, Sorell de peña, Palometón
PORTOGHESE:Chambé, Chambré,Colombeta, Colombete, Palmeta, Palombela, Palompeta, Xaréu palmeta.
 

 




18 settembre 2011

Poesie...L'Albatro

 

L'albatro vive solamente ai confini della terra:
l'ho saputo da un vecchio marinaio.
 
Tuffa le sue grandi ali nella schiuma del mare
e scivola sulle onde senza mai attraversarle.
 
Discende e risale col mare.
Tace quando il tempo è bello, ma grida durante la tempesta.
 
Come il sogno, è sospeso fra il cielo e l'abisso,
così questo uccello non nuota e non vola.
 
Più pesante dell'aria e più leggero dell'onda,
uccello poeta, uccello poeta, ecco il tuo destino.
 
Ma il doloroso è che pei sapienti
queste sono favole di marinaio.

-Henryk Ibsen,”Poesie incomplete”- 




8 settembre 2011

Pensieri Bonsai...Lottare

"Dura è la mia lotta e torno con gli occhi stanchi, a volte, d'aver visto la terra che non cambia, ma entrando il tuo sorriso sale al cielo cercandomi ed apre per me tutte le porte della vita. "

-P.Neruda-




4 settembre 2011

Arte ed emozioni...L'affidamento sul futuro:Il più bello dei mari

-"Sunday Morning",S.Swatland-

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello che vorrei dirti di più bello
non te l'ho ancora detto.

-Nazim Hikmet-



sfoglia     agosto        ottobre
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom