.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


27 agosto 2011

Arte ed Emozioni...Un soir de grève

-"Un soir de grève" ,1893Eugène Laermans-

Voglio uno sciopero dove incontrarci tutti
Uno sciopero di braccia, di gambe, di capelli,
uno sciopero che nasca in ogni corpo.
Voglio uno sciopero
di operai, di colombe
di autisti, di fiori
di tecnici, di bambini
di medici, di donne.
Voglio un grande sciopero,
che arrivi sino all'amore.
Uno sciopero dove si fermi tutto,
l'orologio, le fabbriche
lo stabilimento, le scuole
l'autobus, gli ospedali
la strada, i porti.
Uno sciopero di occhi, di mani, di baci.
Un grande sciopero dove non sia permesso respirare,
uno sciopero dove nasca il silenzio
per ascoltare i passi del tiranno che si allontana.
-Gioconda Belli-

 




26 agosto 2011

Pensieri Bonsai...La Melagrana

La melagrana
che serba i segreti
delle sue perle
aspetta sempre
che tu peli
la sua buccia lucente…

Alla sete è promesso
un liquido
delizioso…
-Maram Al Masri-

Sulla melagrana potete curiosare QUI

Un saluto e un buon fine settimana...A presto

-Vulcanochimico-

 




23 agosto 2011

Poesie...Non Voglio

Tutti i vostri strumenti hanno nomi bizzarri
e difficili, ma io vedo chiaro
e so che in fondo sono solamente
metri e gessetti con cui misurate
e segnate - segnate e misurate
senza stancarvi.

Sfilate spilli di tra le labbra, come un sarto:
me li appuntate sull'anima
e dite: "Qui faremo un bell'orlo.
Dopo starai tanto meglio."

Io non voglio che mi tagliate un pezzo d'anima!
Se ne ho troppa per entrare nel vostro mondo,
ebbene, non voglio entrarci.

Sono una poetessa: una farfalla, un essere
delicato, con le ali.
Se le strappate, mi torcerò sulla terra,
ma non per questo potrò diventare
una lieta e disciplinata formica.
-Margherita Guidacci-




20 agosto 2011

Pensieri Bonsai...Vibrazioni

"Il cuore umano è uno strumento a molte corde,il perfetto conoscitore degli uomini le sa far vibrare tutte,come un buon musicista."

-C.Dickens-




18 agosto 2011

Parole...


 

C’era una volta una città abitata da parole in cui ciascuna viveva in casa propria con le porte chiuse ma si facevano costantemente visita o uscivano in strada e passeggiando incrociavano le altre parole e si salutavano ma con la crescita progressiva della città le parole quando uscivanoin strada cominciavano ad urtarsi tra loro e urtandosi si ritiravano incollerite e tornavano a casa ma non tornavano più come erano uscite e dentro casa crescevano per effetto di una collera tardiva e ricordando sempre le altre parole incominciavano a crescere dentro le loro case e alla successiva uscita in strada erano ormai trasformate e quando incontravano di nuovo altre parole accadeva sempre la stessa cosa e ritornavano a casa e continuavano a crescere esempre in direzioni diverse e crescevano tanto da non riuscire più a chiudere le porte e nuove braccia aprivano le finestre e la collera si arrampicava sulle pareti e incominciavano a scavare il soffitto e legate al piano superiore si intrecciavano alla parola dell’altro appartamento che anch’essa incollerita raggiungeva ormai il tetto e saliva lungo l’antenna della televisione e gridava incollerita contro le parole degli altri palazzi che già si innalzavano nel cielo e l’intera città gridava e non c’era più spazio perché le parole crescessero se non avviluppate le une alle altre e lo loro grida si confondevano e le parole erano tutte irrimediabilmente unite e gridavano tutte allo stesso tempo così che in lontananza era un solo enorme grido che più in lontananza si trasformava in sussurro e ancora più in lontananza non si sentiva nulla. 

-Ana Hatherly,Tisana 18 trad.A.Aletti-124


Un'altra tisana di Ana Hatherly la potete gustare QUI

____________________________________________




16 agosto 2011

Pensieri Bonsai...Amicizia


"...Quando gli chiesero che cos'era un amico,lui rispose:<<Colui che è l'altro me stesso,come accade ai numeri 220 e 284>>.Due numeri sono <<amici>> o <<amicabili>>se ognuno di essi è la somma di tutti i divisori dell'altro(escluso i numeri stessi).I due numeri amicabili più celebri del Pantheon pitagorico sono appunto 220 e 284,che formano una bella coppia..."

-D.Guedj,”Il teorema del pappagallo”pag.103 ed.TEA-





14 agosto 2011

Regalo di Ferragosto

Questo è il regalo di Ferragosto che questo governo con la complicità di alcune sigle sindcali,ha riservato ai lavoratori italiani,alcuni dei quali se lo sono meritato soprattutto quando non hanno avuto il coraggio di indignarsi di fronte allo sperpero di denaro pubblico per puttanelle(chiamate elegantemente escort,come se cambiasse la sostanza!) e fastosità da parte di questa classe politica e dirigente.


 

-da "I Vitelloni,1953 di F.Fellini-

Ai lettori abituali e agli amici,ai simpatizzanti  di questo blog,a chi passerà occasionalemnte auguro un sereno Ferragosto
-Vulcanochimico-


 




12 agosto 2011

Sui cibi e sulle bevande:L'Anguria o Cocomero

L’anguria è il frutto che simboleggia l’estate per eccellenza,appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae,al genere Citrullus,la specie più nota è la citrullus vulgaris. Il frutto più amato dell’estate ha una storia molto antica,alcuni geroglifici,infatti,fanno risalire la sua presenza in Egitto già 5000 anni fa.Il frutto nel mito egizio,aveva origine dal seme del dio Seth e veniva deposto nelle tombe dei faraoni come mezzo di sostentamento per l'aldilà. Nel X Secolo d.C. il cocomero era largamente coltivato in Cina, paese che attualmente ne è il primo produttore mondiale. Solo nel XIII Secolo il frutto venne introdotto in Europa dall'invasione dei Mori a conferma di quanto detto ci sono gli scritti  del noto esploratore inglese dell’Africa David Livingstone,riportando che l'anguria cresceva abbondante nel deserto del Kalahari, dove sembra che essa abbia avuto origine. Lì il frutto cresce selvaggio ed è conosciuto come Tsamma (Citrullus lanatus var citroides). La pianta è riconoscibile per le sue foglie particolari e per l'elevato numero di frutti che produce, fino a cento per ogni esemplare. Per questa ragione è una sorgente di acqua abituale per gli abitanti della zona, oltre ad essere fonte di cibo  per gli uomini e per gli animali. L’anguria ha due peculiarità fondamentali: è il frutto più ricco di acqua (93,5%) ed è del tutto privo di grassi. La sua polpa infatti ha un contenuto calorico molto basso (30 cal/200 gr), è molto ricca di vitamina A (betacarotene, 37 mcg) , B1, B6 e C (8mg). Contiene importanti sali minerali come il potassio e il magnesio, utili per sconfiggere la stanchezza dovuta al caldo, e in quantità minori anche calcio, fosforo ed altri oligoelementi come ferro, zinco e manganese, mentre è molto basso il suo contenuto in sodio. Grazie a queste caratteristiche e all’assenza di grassi, è considerata salutare per il cuore e per la lotta al colesterolo. La presenza sostanziosa del Licopene(4mg/100g di prodotto)conferisce alla polpa il tipico colore rosso vivace;il licopene è un carotenoide che ha funzioni antiossidanti verso i radicali liberi,con benefici effetti nella prevenzione di particolari carcinomi e patologie dell’apparato cardiocircolatorio. Il gusto gradevolmente dolce rende questo frutto molto apprezzato perché rinfresca,idrata e depura l’organismo senza farci introdurre troppe calorie,per tale motivo se ne possono consumare grandi quantità.

Ma questo meraviglioso frutto è corretto chiamarlo anguria(dal greco angourion) o cocomero(cucumis citrullus)?Pare che il nome più appropriato sia cocomero perché ripete quello dei botanici;tale denominazione è usata soprattutto nel centro Italia,mentre la denominazione anguria è usata soprattutto nel settentrione,ed ha referenze storiche non indifferenti,infatti la denominazione anguria risale al tardo greco angurion,termine arrivato a noi con la dominazione bizantina nel VI secolo d.C.e diffuso nell’Italia settentrionale con l’Esarcato di Ravenna. In toscana viene anche chiamato popone,mentre nel meridione è indicato come melone d’acqua per distinguerlo da quello di pane,anche se le denominazioni dialettali sono numerose e cambiano anche nell’ambito della stessa provincia,in Puglia e nel salento in particolare,grande produttore di questo frutto,è denominato mulune,milune o muloni sargeniscu.

 Ed ora non poteva mancare l’angolo della poesia,ripropongo la bella poesia di Stefano Benni:

 All'anguria
Quando l'agosto spegne
 politica e disciplina
quando anche con Bisaglia
andresti in piscina
un rosso desiderio
eppur resiste
saldi nel solleone
i compagni ti baciano
con devota passione
tu,rossa passionaria
o anguria
bandiera proletaria 

Se il borghese melone
gran qualunquista
sta con fichi e prosciutto
fa alleanza con tutto,
tu da sola rimani
e bisogno non hai
che della nostra sete
e delle nostre mani
nel ricurvo sorriso
del tuo quarto di luna
ci chiniam riverenti
sprofondando il viso
dolce come nessuna
o rossa passionaria
o anguria
bandiera proletaria
-Stefano Benni-
D
a "Prima o poi l'amore arriva"pag.59-60-Feltrinelli


Un saluto e un buon fine settimana...A presto!

-Vulcanochimico-

 




9 agosto 2011

Dei e Miti...Cinesi:Shen Nung

Shen Nung fu un leggendario imperatore della Cina che insegnò l’arte dell’agricoltura,pertanto fu venerato come il suo inventore,insegnò al suo popolo come coltivare i cereali per cibarsene,il suo nome significa “Divino Mietitore”Studioso delle proprietà medicinali delle piante ne fu il divulgatore,si narra che ne ha assaggiato centinaia per valutarne l’effettive proprietà,a lui si attribuisce la stesura del più antico testo cinese sui farmaci il pen ts'ao ching datato al 2737,che comprende 365 medicine derivate la piante,animali e minerali. A lui è attribuita anche la scoperta del tè,una leggenda,infatti,narra che Shen Nung stava seduto all’ombra di un cespuglio per riposare nella calura del giorno. Seguendo una logica tutta sua, decise di rinfrescarsi accendendo un fuoco e facendo bollire un po’ di acqua da bere, un’abitudine ch’egli aveva adottato notando che chi beveva acqua bollita si ammalava meno frequentemente di chi la beveva direttamente dal pozzo. Alimentò il fuoco coi rami di una pianta di tè e una brezza provvidenziale lasciò cadere nella sua ciotola alcune delle sue foglie leggere. Quando Shen Nung ne bevve l’infuso, divenne il primo a godere l’effetto stimolante e il delicato ristoro del tè. Shen Nung pare fosse imparentato con Xuanyuan Gonshun,l’imperatore giallo e si narra che insieme abbiano inventato il guqín,un particolare strumento a corda. Shen Nung morì durante un  esperimento per un’erba tossica.

Sul tè..

"La prima tazza mi bagna le labbra e la gola
La seconda mi libera dalla solitudine e la terza entra nella mia anima inaridita,
scoprendovi cinquemila volumi di meravigliosi ideogrammi.
La quarta tazza eccita in me un lieve sudore,
che dileguandosi dai pori fa svanire le tristezze della vita.
La quinta tazza mi purifica e la sesta mi chiama nel regno dell'immortalità…"

Lu - T'ung(il poeta del tè)

Un saluto affettuoso a tutti i lettori...A presto!

-Vulcanochimico-





6 agosto 2011

Poesie...Pausa


Pausa

Ogni tanto bisogna fare
una pausa
contemplarsi
senza l'abitudine quotidiana
esaminare il passato
dato per dato
tappa a tappa
mattonella per mattonella
e non piangersi le menzogne
ma cantarsi le verità.

 -Mario Benedetti.trad.F.Guerrini



Pausa

De vez en cuando hay que hacer
una pausa
contemplarse a sí mismo
sin la fruición cotidiana
examinar el pasado
rubro por rubro
etapa por etapa
baldosa por baldosa
y no llorarse las mentiras
sino cantarse las verdades.












sfoglia     luglio   <<  1 | 2  >>   settembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom