.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


30 marzo 2011

Arte ed Emozini...Allo specchio


-"Girl before a mirror"1932,Pablo Picasso-

Schegge di specchio

Esci dallo specchio

non restare imprigionata dentro

altra metà di me,

spirito del mio «di fronte»

soprammobile matrioska

che rinchiudi le mie cinque anime.

Se rifrango l'immagine mia

dentro schegge argento-mercurio

mi riconosco figura di Picasso

con dita blu di Prussia

e vene giallo cromo.

Si profila nello spazio

il mio posto «occupato»

trasparente, etereo,

fatto di pensieri, entusiasmi

e urgenze sulfuree.

Il vento sbeffeggia

questo dialogo assurdo

tra me

e la mia immagine impalpabile

ma io

riesco a trarne fuori l'anima verde

con un guizzo

che pare

una coda di seta.

-A.Scarpa,”Il tempo,la memoria “1997-

 





22 marzo 2011

Arte ed Emozioni...Birraie


-"Bier test"E.Grutzner-

IL PICCOLO VAGABONDO
Cara Madre, cara Madre, la Chiesa è fredda,
ma la Taverna è sana & piacevole & calda;
e poi posso dire dove mi trattano bene,
un tale trattamento in cielo non andrà mai bene.

Ma se in Chiesa ci dessero un poco di Birra
e un dolce fuoco per scaldarci il cuore,
canteremmo e pregheremmo tutto quanto il giorno,
e non desidereremmo mai allontanarci dalla Chiesa.

Allora il Parroco potrebbe predicare & bere & cantare,
e saremmo felici come uccelli a primavera;
e la modesta signora Imbarazzo, che è sempre in Chiesa,
non avrebbe ragazzi curvi, né digiuno, ne verghe.

E Dio, come un padre felice di vedere
i suoi bambini tranquilli e contenti come lui,
non dovrebbe più litigare con il Diavolo o il Barile,
ma lo bacerebbe & gli darebbe da bere e da vestire.

-W.Blake-

Avrei potuto scrivere di birra partendo da lontano,raccontando di Saccaromyces senza trascurare Van Leeuwenhock e Pasteur,di fermentazione alcolica e di grado saccarometrico,ma la poesia di immagini e di parole ha ispirato il mio animo più dell’estratto secco o dell’acidità,soprattutto perchè rapito dall’espressione di gusto sul volto del monaco dipinta nel quadro “Bier Test” di Eduard Grutzner oltre che dalla graffiante ironia illuminista di William Blake.

Un saluto affettuoso a tutti...A presto

-Vulcanochimico-






16 marzo 2011

I fiori raccontano...L'innocenza, I palpiti d'amore

Il lillà è un arbusto di origine mediorientale,il nome scientifico assegnato da Linneo è Syringa che significa “tubo” ed appartiene alla famiglia delle Oleacee;nel linguaggio comune oltre a lillà è chiamato serenella. I fiori di lillà hanno una fragranza delicata e inebriante, essi sono riuniti in pannocchie coniche; le singole corolle sono tubolari o campanulate, formate da quattro lobi; i

l colore varia dal bianco al caratteristico lilla, dal viola al porpora

Oltre ad essere utilizzati per la pregevole decorazione dei giardini,i fiori di lillà sono anche coltivati per l’estrazione dell’olio di lilac,un’essenza molto costosa. Nel linguaggio dei fiori assume diversi significati a seconda del colore,il lilla bianco è simbolo dell’innocenza e della giovinezza,in molti paesi europei è anche il tipico fiore della sposa. Il lillà rosa e viola simboleggiano i palpiti d’amore e l’innamoramento.


Con gli angioli

Erano in fiore i lillà el’ulivelle;
ella cuciva l’abito di sposa;

né l’aria ancora apria boccidi stelle,
né s’era chiusa foglia di mimosa:

quand’ella rise; rise, orondinelle
nere, improvvisa: ma con chi? Di cosa?

rise, così, con gli angioli;con quelle
nuvole d’oro, nuvole di rosa.

-Giovanni Pascoli,"Myricae"-

Sull'innamoramento....

"Quel che proviamo quando siamo innamorati è forse la nostra condizione normale. L'amore mostra all'uomo quale dovrebbe essere"

-Anton Cechov,"Quaderni"-





14 marzo 2011

Amicizia e Auguri...



Amicizia

E' una porta che si apre,
una mano tesa,
un sorriso che ti allieta,
una lacrima che
si unisce al tuo dolore,
una parola che ti rinfranca.

E' una critica che ti migliora,
un abbraccio di perdono,
un incontro che ti riconcilia
un dare senza esigere.

L’amicizia è un sentimento che dona musica all’anima, per questo ho scelto queste semplici parole per fare gli auguri di compleanno ad una persona amica da molti anni.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. amicizia auguri compleanno 14 marzo

permalink | inviato da vulcanochimico il 14/3/2011 alle 8:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



8 marzo 2011

Voci di donne,per l'otto marzo non solo mimose: Adriana Scarpa


 “Le chiamarono madri, amanti, sorelle circuendo il sentire del cuore

e strapparono loro le vesti e strapparono loro le carni

anche l'anima stava inchiodata

alle quattro pareti del cielo.

Furono mani in preghiera ed occhi di veglia, ginocchia piegate

e braccia in forma di cuna a proteggere i loro tesori.

Le portarono in giro pel mondo ricamate sopra vessilli

ma avevano mani piagate e labbra di luna spaccata,

cancellato dal vento l'amore.

 Parole e condanna. Silenzi e condanna.

Nei polsi l'irromper di vene e bruciava la fronte

e l'affanno frantumava i lembi del cuore.

  Sin dai giorni di Eva era stato:

sul paliotto dipinte madonne

ma le ossa spezzate

l'ansia ruga sul volto.

Furon grida taglienti

Sa salire da tetti di canne

sangue bruno a macchiare

le gore e bufere

e tormenti e ferite realtà.

Sempre esposte alla folgore, al rito, alla luce radente di luna

han portato sopra le spalle, loro sì, il peso del mondo

loro, i piedi di tutte le genti, loro, i corpi sudati a cercarle

a squassarne le viscere, rapinarne ogni fiato.

Sono state il bottino di guerra da portare in catene sul carro

loro, schiave, le lingue tagliate,

incapaci di prendere il volo

ripiegarono le ali sul petto a proteggere vulnerabile il cuore.

 Sono state sospiri e sussurri. Loro fiaccole accese di notte

loro fari a risplender nel buio

e le grida dei sogni ed il vento che si è fatto carezza.

A pensarle tappezzano i muri, sono luce che splende sui vetri

si dilatano a chioma di albero, sono foglie che cantano ed il fiore

sul fragile stelo e la forza dell'erba che sconfigge stagioni

e ritorna."

Adriana Scarpa,(da Alchimie per una donna)”

Solo alcune voci di Donne presenti in questo blog:

Artemisia Gentileschi,

Veronica Franco,

Sibilla Aleramo,

Renata Viganò,

Gaspara Stampa ,

Rita Levi Montalcini 

Julia Pastrana

Una Felice Giornata Internazionale della a Donna tutti in particolarmodo alle Donne.

-Vulcanochimico-









7 marzo 2011

Voci di donne,non solo mimose:Bruna


ILLUSIONE
Sono venute, fra il silenzio e il gelo,
questa notte le fate a ricamare,
della finestra mia su i vetri limpidi
un intricato e strano bianco velo.
È sorto il sole, e il tenüe lavoro
dilegua a poco a poco, si discioglie
lungo i cristalli in goccioline; lagrime
trova soltanto il baldo raggio d'oro.
Tali, in un core giovino, fidente,
la fantasia lievi ricami ordisce;
ma i vani sogni, le lusinghe fragili
distrugge e vince il ver, spietatamente!

-Bruna-
-da "Pètali e Lagrime"1894,L.Cappelli editore-





6 marzo 2011

Voci di donne,non solo mimose:Cora Coralina


Aninha e le sue pietre

Non lasciarti distruggere...
Aggiungi nuove pietre
E costruisci nuove poesie.
Reinventa la tua vita sempre, sempre
Rimuovi pietre e piante di rose e fai dolci. Ricomincia.
Fai della tua vita meschina
un poema.
E vivrai nel cuore dei giovani
e nella memoria delle generazioni che verranno.
Questa fonte è per l’uso di tutti gli assetati.
Prendi la tua parte.
Avvicinati a queste pagine
e non impedirne l’uso
a quelli che hanno sete.
-Cora Coralina-


Una buona domenica
-Vulcanochimico-





3 marzo 2011

Voci di donne,non solo mimose:Cecilia Meireles

Canzone
Misi il mio sogno in un’imbarcazione
e l’imbarcazione in mare;
– dopo, separai il mare con le mani,
per far naufragare il mio sogno.
Le mie mani ancora sono bagnate
del blu delle onde dischiuse,
e che il colore che scorre dalle mie dita
colori le sabbie deserte.
Il vento sta arrivando da lontano,
la notte si curva per il freddo;
sotto l’acqua va morendo
il mio sogno, dentro un’imbarcazione…
Piangerò quanto sarà necessario
per far ingrossare il mare,
e arrivare in fondo la mia imbarcazione
e il mio sogno far sparire.
Dopo, tutto sarà perfetto:
spiaggia rasa, acque ordinate,
i miei occhi aridi come roccia
e le mie mani infrante.




2 marzo 2011

Voci di donne,non solo mimose:Amal Al-Juburi



I volti

I volti sono l' interiorità nascosta,
i sensi,
la maschera del non detto.
I volti sono francobolli vidimati dal tempo,
uno scandalo che denuda i pensieri e le intenzioni.
I volti sono ricordi che deridono il loro passato.
I volti sono una pozione chimica in cui circolano le domande.
I volti sono lingue senza alfabeto.
I volti sono lettere che restano sempre chiuse.
-Amal Al-Juburi-




sfoglia     febbraio        aprile
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom