.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


28 febbraio 2011

Voci di donne,non solo mimose:Anaïs Nin

Caro collezionista, noi la odiamo.
Il sesso perde ogni potere quando diventa esplicito, meccanico, ripetuto, quando diventa un'ossessione meccanicistica. Diventa una noia.
Lei ci ha insegnato più di qualunque altro quanto sia sbagliato non mescolarlo all'emozione, all'appetito,al desiderio, alla lussuria, al caso, ai capricci, ai legami personali, a relazioni più profonde che ne cambiano il colore, il sapore, i ritmi, l'intensità.
Lei non sa cosa si perde con il suo esame al microscopio dell'attività sessuale, con l'esclusione
degli aspetti che sono il carburante che la infiamma.Componenti intellettuali, fantasiose emotive.Questo è quel che conferisce al sesso la sua struttura sorprendente, le sue trasformazioni sottili, i suoi elementi afrodisiaci.
Lei sta rimpicciolendo il mondo delle sue sensazioni.Lo sta facendo appassire, morir di fame, ne sta
prosciugando il sangue.Se lei nutrisse la sua vita sessuale con tutte le emozioni e le avventure che la passione inietta nella sessualità, sarebbe l'uomo più potente del mondo.
La fonte del potere sessuale è la curiosità, la passione. Lei sta lì a guardare questa fiammella
morire di asfissia. Il sesso non prospera nella monotonia. Senza emozioni, invenzioni, stati
d'animo, non ci sono sorprese a letto.
Il sesso deve essere innaffiato di lacrime,di risate, di parole, di promesse, di scenate,
di tutte le spezie della paura, di viaggi all'estero,di facce nuove, di romanzi, di racconti, di sogni, di fantasia, di musica, di danza, di oppio, di vino.
Quanto perde con questo suo periscopio sulla punta del pisello, quando invece potrebbe godersi un harem di meraviglie tutte diverse e mai ripetute! Non due peli uguali. Ma lei non ci permetterà di sprecare parole sui peli; neanche sugli odori, ma se ci dilunghiamo su questo argomento lei si mette a gridare:
"Lasciate perdere la poesia!"
Neanche due pelli con lo stesso incarnato,e mai la stessa luce, la stessa temperatura, le stesse ombre , mai gli stessi gesti; perché un'amante quando è infiammato veramente, può esprimere i toni più sottili di secoli d'arte amorosa.Quante sfumature, quanti cambiamenti d'età, quante variazioni di maturità e di innocenza,di perversità ed arte.
Siamo rimasti seduti per ore a chiederci che aspetto lei abbia. Se ha reso i suoi sensi indifferenti alla seta, alla luce, al colore, all'odore, al carattere, al temperamento.Ci sono tanti sensi minori, che buttano come tanti affluenti nel fiume del sesso, arricchendolo.
Solo il battito unito del sesso e dell'animo può creare l'estasi
.

-Anaïs Nin-


Questa è una lettera scritta da Anaïs Nin a suo nome e del suo compagno Henry Miller ad un anonimo signore che si faceva chiamare “il collezionista” e commissionava loro dei racconti erotici. Per  un periodo della loro vita la scrittura di questi racconti fu la loro fonte di sostentamento.”Il collezionista”,però non amava lo stile poetico dei due  scrittori e sottolineò loro di tralasciare nei racconti la poesia e scrivere di mero erotismo. Ciò provocò l’indignazione dei due scrittori ed in particolare di Anaïs,che inviò la lettera suddetta.

Un saluto e un buon inizio di settimana...

-Vulcanochimico-




27 febbraio 2011

Voci di donne,non solo mimose:Alda Merini



Farfalle Libere

O donne povere e sole,

violentate da chi

non vi conosce.

Donne che avete mani

sull’infanzia,

esultanti segreti d’amore

tenete conto

che la vostra voracità

naturale non

sarà mai saziata.

Mangerete polvere,

cercherete d’impazzire

e non ci riuscirete,

avrete sempre il filo

della ragione che vi

taglierà in due.

Ma da queste profonde

ferite usciranno

farfalle libere.

-Alda Merini-

Alda Merini“Sono nata a Milano il 21 marzo 1931, a casa mia, in via Mangone, a Porta Genova: era una zona nuova ai tempi, di mezze persone, alcune un po’ eleganti altre no. Poi la mia casa è stata distrutta dalle bombe. Noi eravamo sotto, nel rifugio, durante un coprifuoco; siamo tornati su e non c’era più niente, solo macerie. Ho aiutato mia madre a pscuolartorire mio fratello: avevo 12 anni. Un bel tradimento da parte dell’Inghilterra, perché noi eravamo tutti a tavola, chi faceva i compiti, chi mangiava, arrivano questi bombardieri, con il fiato pesante, e tutt’a un tratto, boom, la gente è impazzita. Abbiamo perso tutto. Siamo scappati sul primo carro bestiame che abbiamo trovato. Tutti ammassati. Siamo approdati a Vercelli. Ci siamo buttati nelle risaie perché le bombe non scoppiano nell’acqua, ce ne siamo stati a mollo finché non sono finiti i bombardamenti. Siamo rimasti lì soli, io, la mia mamma e il piccolino appena nato. Mio padre e mia sorella erano rimasti in giro a Milano a cercare gli altri: eravamo tutti impazziti. Ho fatto l’ostetrica per forza portando alla luce mio fratello, ce l’ho fatta: oggi ha sessant’anni e sta benissimo. La mamma invece ha avuto un’emorragia, hanno dovuto infagottarla insieme al piccolo e portarseli dietro così, con lei che urlava come una matta..."




26 febbraio 2011

Voci di donne,non solo mimose:Clarissa Pinkola Estés



Preghiera

Rifiutati di cadere.
Se non puoi rifiutarti di cadere,
rifiutati di restare a terra.
Se non puoi rifiutarti di restare a terra,
leva il tuo cuore verso il cielo,
e come un accattone affamato,
chiedi che venga riempito,
e sarà riempito.
Puoi essere spinto giù.
Ti può essere impedito di risollevarti.
Ma nessuno può impedirti
di levare il tuo cuore
verso il cielo
soltanto tu.
E' nel pieno della sofferenza
che tanto si fa chiaro.
Colui che dice che nulla di buono da ciò venne,
ancora non ascolta.

-Clarissa Pinkola Estés-

Seguiranno da oggi altre "voci di donne" in ogni post fino all'otto di marzo.E' un mio modo di celebrare la giornata internazionale della donna,non solo con le mimose.Un saluto affettuoso a tutti,donne e uomini...A presto

-Vulcanochimico-






20 febbraio 2011

Poesie...Erba



Nessuna paura
che mi calpestino.
Calpestata, l'erba
diventa sentiero
-Blaga Dimitrova-





14 febbraio 2011

Sull'amore

Un giorno un vecchio mi disse: ” Quando incontri qualcuno, e questo qualcuno ti fa fermare il cuore per alcuni secondi: fai attenzione, questo qualcuno potrebbe essere la persona più importante della tua vita.
Se gli occhi si incrociano e in quel momento c’è la stessa luce intensa tra loro: stai allerta, può essere la persona che stai aspettando dal giorno che sei nato. Se il tocco delle labbra è stato intenso, se il bacio è stato appassionante e gli occhi si sono riempiti di acqua in quel momento: rifletti, c’è qualcosa di magico tra voi. Se il primo e l’ultimo pensiero del giorno è per quella persona, se il desiderio di stare insieme arriva a stringerti il cuore: ringrazia Dio, ti ha mandato un dono divino…l’amore. Se un giorno doveste chiedere perdono l’uno a l’altro per qualche motivo e in cambio ricevere un abbraccio, un sorriso, una carezza fra i capelli e i gesti varranno più di mille parole: arrenditi, voi siete fatti l’uno per l’altro. Se per qualche motivo fosse triste, se la vita le avesse inflitto un colpo e tu sarai lì a soffrire il suo dolore, a piangere le sue lacrime e asciugarle con affetto: che cosa meravigliosa! Lei potrà contare su di te in qualsiasi momento della vita. Se riesci col pensiero a sentire l’odore della persona come se si trovasse al tuo fianco, e se la trovi meravigliosamente bella anche quando indossa un vecchio pigiama, ciabatte e ha i capelli arruffati. Se non riesci a lavorare per tutto il giorno, emozionato per l’appuntamento che avete…se non riesci ad immaginare in nessun modo un futuro senza quella persona, e se hai la certezza che la vedrai invecchiare e, anche così, sei convinto che continueresti ad essere pazzo per lei. Se preferiresti morire prima di vedere l’altra andarsene…allora vuol dire che l’amore è entrato nella tua vita! E’ un dono!”

Poi sorrise e mi disse: “Molte persone si innamorano molte volte nella vita, ma poche amano o trovano un amore vero. A volte lo incontrano e non prestano attenzione a questi segnali, e lo lasciano passare senza accadere veramente. E’ libero arbitrio. Per questo, presta attenzione ai segnali, non lasciare che le follie del quotidiano ti rendano cieco alla miglior cosa della vita: l’amore! Quello che è sincero non cambia mai!”…
(Carlos Drummond de Andrade)


 Un saluto affettuoso e un Buon San Valentino

-Vulcanochimico-




12 febbraio 2011

Donna..."Se non ora quando?"

DONNA

Guardati, donna, da chi ti coccola!
Guardati, da colui che ti sospira
E non ti porta sulla strada della lotta allo stesso tempo!
Guardati da chi dice di amarti
E non ti insegna ad amare la giustizia!
Guardati da quelli che si interessano di te,donna
Perché ti vogliono prigioniera,
Addormentata tra le sbarre del tuo stesso inganno!
Il tuo cuore e il tuo corpo, donna,
Non sono marionette nè caroselli
Dove si può perdere solo il fiato
La tua voce, donna, i tuoi capelli
Addormentati tra le sbarre del tuo stesso inganno!
Sono armi perfette
Contro i nostri comuni nemici
I tuoi seni danno da nutrire al mondo che nasce,
Non al passato che muore
E ripeti a te stessa, donna, tutte le notti
Questi semplici versi:
Sia benedetto lo schiavo che si ribella!
Glorificato il canto e la lotta per una nuova vita!
Non abbiamo un'altra vita, donna,
Nè altro sole nè altra alternativa.
In tutti gli angoli della terra qualcuno lotta per la sua Patria,
Per la libertà,per la giustizia,
Per il pane e per la bellezza.
Cantiamo e lottiamo
E riproduciamoci
Nei nostri canti e nelle nostre lotte.
Insieme ad un uomo
Una donna alza il fucile
E nasce un nuovo mondo.
Insieme ad un uomo,una donna alza il figlio,
Tra sorrisi.
Insieme ad una donna,
L'uomo spinge la leva
Del cambio necessario, obbligatorio.
Metà del cielo,
Unisciti alla metà del mondo che lotta!
Tutti e due stiamo qui
Ed il nemico trema
Noi due abbiamo un futuro
Chiaro e semplice
Torneremo ad amarci
Diverse volte
Prima e dopo i combattimenti
Nei sogni
I nostri volti conquisteranno
La terra, perché tutti e due abbiamo
La ragione!
Perché tutti e due abbiamo la forza!

-Rafael Larrea-

Il 13 Febbraio nelle piazze italiane


Un saluto affettuoso a donne e uomini unito ad un buon fine settimana.
-Vulcanochimico-



sfoglia     gennaio        marzo
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom