.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


28 settembre 2009

Canzoni..."Mercanti e Servi"


-"Mercanti e Servi"Nomadi-

In casa dei mercanti
sembra sempre grande festa
se c'e' il maiale gli tagliano la testa
la casa dei mercanti nascosta, blindata
dal resto del mondo, protetta isolata.
In casa dei servi si aspetta la festa
ma se non e' quel giorno
la speranza resta,
la casa dei servi, casa da rifare,
ai primi scossoni, puo' anche crollare.
La casa dei mercanti
e' alta su quel monte
la casa dei servi
e' in basso dopo il ponte.
Ma le paure, scendono giu'
mentre i sogni, salgono su,
salgono su.
Le figlie dei mercanti, pallide e belle
apron le finestre
e' normale ci son le stelle,
sembrano felici ma la noia e' in agguato
nel loro dorato privilegio incantato.
Le figlie dei servi hanno guance rosse,
soffrono tingono le gonne di rosa,
leggono romanzi con intrecci rosa,
sognano palazzi e abiti da sposa.
La casa dei mercanti
e' alta su quel monte
la casa dei servi
e' in basso dopo il ponte.
Ma le paure, scendono giu'
mentre i sogni, salgono su,
salgono su.
Mercanti e servi,
la stessa vita,
sogni o denari,
sabbia fra le dita,
sabbia fra le dita.
(Daolio-Carletti-Veroli)

Sul testo e le note di questa splendida canzone vi giunga il mio saluto...
-Vulcanochimico-




25 settembre 2009

Uno e sette...

 


Ho conosciuto un bambino che era sette bambini.
Abitava a Roma, si chiamava Paolo e suo padre era un tranviere.
Però abitava anche a Parigi, si chiamava Jean e suo padre lavorava in una fabbrica di automobili.
Però abitava anche a Berlino, e lassù si chiamava Kurt, e suo padre era un professore di violoncello.
Però abitava anche a Mosca, si chiamava Juri, come Gagarin, e suo padre faceva il muratore e studiava matematica.
Però abitava anche a Nuova York, si chiamava Jimmy e suo padre aveva un distributore di benzina.
Quanti ne ho detti? Cinque. Ne mancano due:
uno si chiamava Ciù, viveva a Shanghai e suo padre era un pescatore; l'ultimo si chiamava Pablo, viveva a Buenos Aires e suo padre faceva l'imbianchino.
Paolo, Jean, Kurt, Juri, Jimmy, Ciù e Pablo erano sette, ma erano sempre lo stesso bambino che aveva otto anni, sapeva già leggere e scrivere e andava in bicicletta senza appoggiare le mani sul manubrio.
Paolo era bruno, Jean biondo, e Kurt castano, ma erano lo stesso bambino. Juri aveva la pelle bianca, Ciù la pelle gialla, ma erano lo stesso bambino. Pablo andava al cinema in spagnolo e Jimmy in inglese, ma erano lo stesso bambino, e ridevano nella stessa lingua. Ora sono cresciuti tutti e sette, e non potranno più farsi la guerra, perché tutti e sette sono un solo uomo.
(da"Favole al Telefono",G.Rodari)




16 settembre 2009

Citazioni...


"Il Cielo non parla, ma dispone del cambiamento delle Quattro stagioni e decide da maestro della crescita della natura"
-Confucio-




13 settembre 2009

Brutti Pensieri...

I vertici della Rai hanno cancellato  la messa in onda  della trasmissione "Ballarò",hanno censurato gli spot di "Annozero" e censurato il trailer di "Videocracy"...possiamo ancora parlare di democrazia o siamo in pieno regime?




10 settembre 2009

Citazioni...

“Se un popolo si aspetta di poter essere libero restando ignorante, spera in qualcosa che non è mai stato e che mai sarà”

-T. Jefferson-





6 settembre 2009

Arte ed Emozioni...la poesia dei migranti


-Michelle Rogers-

PAESE DISCARICA

Arrivano le navi
E partono le navi
Per mare
Con fratelli partono navi
Per pane
Senza uomini arrivano navi
Per mare
Talvolta
Padri cadaveri ritornano navi
A casa
E morte sui fusti arrugginiti
Per sale
Del nostro golfo
Fecero vespasiano
-Mihai Mircea Butcovan-
(da Borgo Farfalla,2006)




4 settembre 2009

Roberto Benigni ci regala un po' di ilarità,ma nella realtà c'è poco da star allegri...


-Roberto Benigni alla festa del PD di Genova 3 settembre 2009-

Nel salutarvi vi ricordo che "Io sostengo l'Unità"

se volete condividete l'iniziativa copiando il logo sul vostro blog o sui vostri socialnetwork...
Per saperne di più:

Il testo degli atti di citazione contro l'Unità. Firmati: Berlusconi

Berlusconi vuole chiudere l'Unità


 



sfoglia     agosto        ottobre
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom