.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


9 agosto 2014

POESIE...Una rosa

Un sepalo - petalo - e una spina
In un comune mattino d'estate -
Una boccetta di Rugiada - Un'Ape o due -
Una Brezza - una capriola fra gli alberi -
Ed io sono una Rosa!

-E.Dickinson-




20 febbraio 2008

Lavoro e Ambiente: Rose Avvelenate

 Nelle Ande non ci sono rose senza pesticidi. Con 400 aziende e 45mila dipendenti, le rose dell'Ecuador rappresentano la terza industria del paese per fatturato, dopo il petrolio e le banane. Anche in Colombia le colture intensive si stanno moltiplicando per accontentare i floricoltori dei paesi industrializzati.
Nove rose su dieci vengono esportate all'estero, soprattutto negli Stati Uniti, dove se ne vendono ogni anno un miliardo e mezzo.
Audubon racconta che le rose andine hanno un costo ambientale e sociale molto alto. Per coltivarle si usano trenta diversi tipi di pesticidi di cui il 20 per cento è vietato negli Stati Uniti e in Europa, ma non dalle leggi locali. Lo smaltimento dei rifiuti chimici è inadeguato e capita che i barili di pesticidi vuoti finiscano nei fiumi. I braccianti sono sottopagati e costretti a lavorare a stretto contatto con prodotti chimici senza maschere di protezione.
Due dipendenti su tre delle aziende ecuadoriane si ammalano a causa del lavoro: malattie della pelle, problemi circolatori e alla schiena. Per boicottare questo mercato sta nascendo un commercio alternativo di cooperative che coltivano i fiori senza l'uso di pesticidi, nel rispetto della salute dell'ambiente, dei lavoratori e anche dei consumatori. Le loro rose sono meno perfette ma biosolidali.(fonte: Internazionale)



sfoglia     luglio        settembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom