.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


9 aprile 2012

Arte ed Emozioni....Lessemi

-F.Van Hove-

Leggo con attenzione

lessemi,verbi,virgole

e ogni interiezione.

Ogni tuo scritto

nella mia anima s’appunta

fa sussultare il corpo

con intensa emozione.

-Vulcanochimico-

 __________________________

 

 




17 febbraio 2012

Pensieri Bonsai...Fuoco

Photobucket

Un fuoco a lungo celato diventa un incendio difficile ad estinguere: un fuoco di cui appare la vampa, agevolmente si spegne. Più ruscelli uniti formano un fiume; più fili insiemi congiunti formano una corda essa non si può romper che a stento.

-Confucio-

 




28 febbraio 2011

Voci di donne,non solo mimose:Anaïs Nin

Caro collezionista, noi la odiamo.
Il sesso perde ogni potere quando diventa esplicito, meccanico, ripetuto, quando diventa un'ossessione meccanicistica. Diventa una noia.
Lei ci ha insegnato più di qualunque altro quanto sia sbagliato non mescolarlo all'emozione, all'appetito,al desiderio, alla lussuria, al caso, ai capricci, ai legami personali, a relazioni più profonde che ne cambiano il colore, il sapore, i ritmi, l'intensità.
Lei non sa cosa si perde con il suo esame al microscopio dell'attività sessuale, con l'esclusione
degli aspetti che sono il carburante che la infiamma.Componenti intellettuali, fantasiose emotive.Questo è quel che conferisce al sesso la sua struttura sorprendente, le sue trasformazioni sottili, i suoi elementi afrodisiaci.
Lei sta rimpicciolendo il mondo delle sue sensazioni.Lo sta facendo appassire, morir di fame, ne sta
prosciugando il sangue.Se lei nutrisse la sua vita sessuale con tutte le emozioni e le avventure che la passione inietta nella sessualità, sarebbe l'uomo più potente del mondo.
La fonte del potere sessuale è la curiosità, la passione. Lei sta lì a guardare questa fiammella
morire di asfissia. Il sesso non prospera nella monotonia. Senza emozioni, invenzioni, stati
d'animo, non ci sono sorprese a letto.
Il sesso deve essere innaffiato di lacrime,di risate, di parole, di promesse, di scenate,
di tutte le spezie della paura, di viaggi all'estero,di facce nuove, di romanzi, di racconti, di sogni, di fantasia, di musica, di danza, di oppio, di vino.
Quanto perde con questo suo periscopio sulla punta del pisello, quando invece potrebbe godersi un harem di meraviglie tutte diverse e mai ripetute! Non due peli uguali. Ma lei non ci permetterà di sprecare parole sui peli; neanche sugli odori, ma se ci dilunghiamo su questo argomento lei si mette a gridare:
"Lasciate perdere la poesia!"
Neanche due pelli con lo stesso incarnato,e mai la stessa luce, la stessa temperatura, le stesse ombre , mai gli stessi gesti; perché un'amante quando è infiammato veramente, può esprimere i toni più sottili di secoli d'arte amorosa.Quante sfumature, quanti cambiamenti d'età, quante variazioni di maturità e di innocenza,di perversità ed arte.
Siamo rimasti seduti per ore a chiederci che aspetto lei abbia. Se ha reso i suoi sensi indifferenti alla seta, alla luce, al colore, all'odore, al carattere, al temperamento.Ci sono tanti sensi minori, che buttano come tanti affluenti nel fiume del sesso, arricchendolo.
Solo il battito unito del sesso e dell'animo può creare l'estasi
.

-Anaïs Nin-


Questa è una lettera scritta da Anaïs Nin a suo nome e del suo compagno Henry Miller ad un anonimo signore che si faceva chiamare “il collezionista” e commissionava loro dei racconti erotici. Per  un periodo della loro vita la scrittura di questi racconti fu la loro fonte di sostentamento.”Il collezionista”,però non amava lo stile poetico dei due  scrittori e sottolineò loro di tralasciare nei racconti la poesia e scrivere di mero erotismo. Ciò provocò l’indignazione dei due scrittori ed in particolare di Anaïs,che inviò la lettera suddetta.

Un saluto e un buon inizio di settimana...

-Vulcanochimico-




18 marzo 2009

Profumi...


-"Le mie Fresie"-

Chiudo gli occhi e mi inebrio inspirando il profumo delicato
ed intenso delle mie fresie….
Un profumo quasi ipnotico che mi porta lontano,fino a far scorrere le immagini
del caleidoscopio dei ricordi…
Ricami di dolci reminiscenze infantili,intrecci di donna,trasgressive passioni primaverili…M’intrattengo con me stessa…

-Vulcanochimico-

 




24 giugno 2008

Poesie: Tu versi il vino…

 
Tu versi il vino nella mia coppa vuota
ovunque noi c'incontriamo, sulle colline
o nelle valli, sulla vetta delle montagne,
nelle folte foreste o negli aridi deserti,
sulla spiaggia del mare fragoroso, o sulle
rive del fiume silente, e fai scaturire
dal mio cuore la passione e le gioie celesti. 
-Hazrat Inayat Khan-

 


 




20 giugno 2008

Guardare gli alberi,stare ferma in silenzio e ascoltare il cuore…


(...)"Ogni volta in cui,crescendo,avrai voglia di cambiare le cose sbagliate in cose giuste,ricordati che la prima rivoluzione da fare è quella dentro se stessi, la prima e la più importante. Lottare per un’idea senza avere un’idea di sé è una delle cose più pericolose che si possa fare. Ogni volta che ti sentirai smarrita,confusa,pensa agli alberi,ricordati del loro modo di crescere. Ricordati che un albero con molta chioma e poche radici viene sradicato al primo colpo di vento,mentre in un albero con molte radici e poca chioma la linfa scorre a stento. Radici e chioma devono crescere in ugual misura,devi stare sulle cose e starci sopra ,solo così potrai coprirti di fiori e di frutti. E quando poi davanti a te si apriranno tante strade e non saprai quale prendere,non imboccarne una a caso, ma siediti e aspetta.Respira con la profondità fiduciosa con cui hai respirato il giorno in cui sei venuta al mondo, senza farti distrarre da nulla, aspetta e aspetta ancora.
Stai ferma, in silenzio e ascolta il tuo cuore.
 Quando ti parla, alzati e vai dove lui ti porta."

-tratto da-"Va dove ti porta il cuore"di S.Tamaro pag163 Baldini & Castoldi-
***

Qualche giorno fa dopo aver atteso un saluto, ho ascoltato e seguito il mio cuore…Lungo le stradine tra ”La Valle della Cupa” e “La Terra dei Messapi" l’auto sembrava camminasse da sola, l’odore acre del solfato di rame irrorato sulle vigne investiva l’abitacolo…Ecco il primo incrocio, il cuore in gola e la paura, il senso di colpa, ma dovevo farcela, dovevo superarlo; altre volte vicino "all'incrocio maledetto" sono tornata indietro e ho cambiato tragitto…ma dovevo giungere in quel luogo e l’incrocio superarlo….Giunta nel centro abitato mi sono fermata a guardare una casa dipinta di verde, anche se è un po’ cambiata: un portone è diventato una finestra, ma sul balcone del primo piano ci sono ancora le piante appese, meno rigogliose di un tempo…ma ci sono, come quel ricordo che mi avvolge caldamente…nonostante sia passato tanto tempo, è vivo come il desiderio di tornarci un giorno. Imbocco, per raggiungere la mia dimora, la strada principale e ritorno tra le stradine segnate dall’azzurro del solfato di rame e dai ricordi di primavera e di un agosto con le api ronzanti e pungenti di tanto tempo fa…
-Vulcanochimico-
Un buon fine settimana a tutti...a presto





11 giugno 2008

Le Mie Emozioni e I Vostri Pensieri...Rispetto, Amore, Pace


Questa bellissima cartolina mi fa ricordaree questa storia:
Un ragazzino e suo padre passeggiavano tra le montagne.All'improvviso il ragazzino inciampò, cadde e, facendosi male, urlò :"AAAhhhhhhhhhhh!!! "Con suo gran stupore il bimbo sentì una voce venire dalle montagne che ripeteva: "AAAhhhhhhhhhhh!!!"Con curiosità, egli chiese: "Chi sei tu?"
E ricevette la risposta: "Chi sei tu?" Dopo il ragazzino urlò: "Io ti sento! Chi sei?"E la voce rispose: "Io ti sento! Chi sei?"Infuriato da quella risposta egli urlò: "Codardo"
E ricevette la risposta: "Codardo!"Allora il bimbo guardò suo padre e gli chiese: "Papà, che succede? "Il padre gli sorrise e rispose: "Figlio mio, ora stai attento: "E dopo l'uomo gridò: "Tu sei un campione! "La voce rispose: "Tu sei un campione!
"Il figlio era sorpreso ma non capiva. Allora il padre gli spiegò: "La gente chiama questo fenomeno ECO ma in realtà è VITA. La Vita, come un'eco, ti restituisce quello che tu dici o fai. La vita non è altro che il riflesso delle nostre azioni.Se tu desideri più amore nel mondo, devi creare più amore nel tuo cuore. Se vuoi che la gente ti rispetti, devi tu rispettare gli altri per primo. Questo principio va applicato in ogni cosa, in ogni aspetto della vita. La Vita ti restituisce ciò che tu hai dato ad essa. La nostra Vita non è un insieme di coincidenze, è lo specchio di noi stessi.

HeavenonEarth commento lasciato il 4-6-2008 h.8.38
Un saluto affettuoso a tutti...a presto
-Vulcanochimico-




30 maggio 2008

Arte ed Emozioni....Magia, Fantasia,Amore,Passione...

 
-"La Promenade"1917 Marc Chagall-




6 marzo 2008

Emozioni..."Corpi Intrecciati"

Corpi intrecciati,
sublimi sensazioni
accendono la passione...
Battiti impazziti
soavi piaceri...
Bocche ansimanti,
assaporano
petali di vita
che
imperlano il viso...

-Vulcanochimico-

 




5 febbraio 2008

I Fiori Raccontano: La Complicità, L’ Intesa del Flox e… un mio Haiku…..

 Il nome botanico è Phlox, la pianta appartiene alla famiglia delle Polemoniaceae, ed è originaria dell’America.I fiori sono in gruppi dai colori brillanti che variano dal viola ai vari toni del rosa, crema e rosso, alcuni sono bianchi screziati di rosa ed emanano un profumo piacevole. La fragranza di questo fiore e la bellezza erano particolarmente gradite alle Dame del medioevo, tanto che i cavalieri adornavano i loro vestiti con i flox durante le feste ed i ricevimenti. I menestrelli medievali raccontavano che il cavaliere usava lasciare il suo fiore, il flox appunto, alla dama con la quale aveva ballato e festeggiato durante la serata e per tale motivo il Flox nel linguaggio dei fiori è simbolo di complicità e intesa.


Un mio Haiku...
Raccolgo fiori
rossi come passione
dolce l'intesa
-Vulcanochimico-



sfoglia     marzo        maggio
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom