.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


23 ottobre 2015

Poesie...Ricchezze e Signorie scompaiono

Ricchezze e signorie scompaiono nella massa
del grande mare del giusto e dell’ingiusto umano,
quando è la volta che il nostro possesso scada;
ma l’amore, anche se maldiretto, è tra quelle
cose che sono immortali, e sorpassano
tutta quella fragile materia che saremo, o siamo stati.
-Percy  Bysshe Shelley,”Frammenti”-




5 luglio 2014

Poesie...Ma se il tramonto

Ma se il tramonto dura sulle cime
degli alberi che chiudono la pianura
soffocata da brume estive, il cielo
è una leggera arida spoglia inerte.

Eterno giorno, che cos’é la morte
quando sui visi radianti si posa
la maschera lucente
del tramonto lentissimo di luglio?

Non c’è memoria più, non c’è speranza
nel transito fatale del tempo.

-Attilio Bertolucci-




20 febbraio 2013

HAIKU...

 Scorre il tempo
il declino dei giorni
dentro l'inverno
-Vulcanochimico-




3 febbraio 2013

Poesie....L'incertezza


L’incertezza è più ostile della morte.
la morte, anche se vasta,
è soltanto la morte e non può crescere.
All’incertezza invece non v’è limite,
perisce per risorgere
e morire di nuovo,
è l’unione del Nulla
con l’Immortalità.
-Emily Dickinson-
















26 settembre 2011

Poesie...Quando l'erba crescerà sulla mia tomba

Quando l'erba crescerà sulla mia tomba,
sia lì il segno che mi si dimentichi del tutto.
La Natura mai si ricorda, per questo è bella.
e se si prova il bisogno morboso di "interpretare"
L'erba verde sulla mia tomba,
dite pure che continuo a verdeggiare e ad essere naturale.
Credo al mondo come a una margherita,
perché lo vedo... Ma non penso ad esso,
perché pensare ad esso non è capirlo...
Il Mondo non si è fatto perché noi pensiamo a lui,
(pensare fa male agli occhi)
ma perché lo guardiamo con un senso di accordo...
Io non ho filosofia, ho dei sensi.
Se io parlo della Natura, non è che sappia ciò che è,
ma perché l'amo, e l'amo per la ragione
che colui che ama mai non sa quel che ama,
né sa perché ama, né cos'è amare.
Amare è l'innocenza eterna,
e l'unica innocenza è quella di non pensare.
-Fernando Pessoa-

 

 




24 luglio 2010

Poesia...Sulla Rugiada



Perché pensavo

Che la rugiada fosse

Una cosa labile?

La mia sorte da essa differisce

Solo nel non posarsi sull’erba.

(Fujimara No Koremoto,XVI 860)

________________________________________


Un buon fine settimana e un saluto affettuoso...A presto

-Vulcanochimico-


 





30 luglio 2009

Dei e Miti...Maya:"El Dios de la muerte : AH PUCH"

Nella mitologia Maya, AH PUCH era il Dio della morte e dei sacrifici umani e re di Metal, quindi signore degli inferi. Era raffigurato con il tronco come uno scheletro, al collo delle campane o in testa, questa ultima talvolta era raffigurata con una civetta o un gufo, tanto che ancora oggi è rimasta in Messico e nelle zone dell’America Centrale(anche in Italia a dire il vero) la credenza popolare che quando si sente cantare un gufo o una civetta sia simbolo di morte imminente, si usa cantare in spagnolo locale:

“Cuando el tecolote canta ... el indio muere”.

(“Quando canta la civetta…l’indio muore”)

I Maya avevano sempre una grande paura della morte, ed AH PUCH era considerato uno dei più importanti dei loro Dei.


Sulla morte...
“Una vita sprecata è una morte precoce. “
(W. Goethe)

        Un saluto  a tutti...A presto.
         -Vulcanochimico-





4 ottobre 2008

La Morte nel Cuore


Era il 4 ottobre di tanti anni fa,una bambina con lunghi capelli,la gioia nel cuore e tanti sogni nella testa,baciò per l'ultima volta il suo babbo.Il freddo di quel bacio dato sulla fronte gelarono le sue labbra e il suo cuore.Oggi è una donna e come allora ha ancora le labbra gelate e il cuore ulteriomente ferito ...

Tanto lo so
tra breve creperò
se davvero tu esisti
o dio
o mio dio
se fossi tu a tessere il tappeto stellato
se questo tormento ogni giorno moltiplicato
è per me un tuo esperimento
indossa la toga curiale.
La mia visita attendi
sarò puntuale
non tarderò ventiquattr'ore.
Ascoltami
altissimo inquisitore!

-Vladimir Vladimirovic Majakovskij-




14 settembre 2007

Poesie....In margine al sentiero un giorno ci sediamo...

 

In margine al sentiero un giorno ci sediamo.
Tempo è la nostra vita, e nostro unico affanno
le pose disperate in cui per aspettare
ci atteggiamo....Ma Lei non mancherà al convegno.
-Antonio Machado-



sfoglia     settembre        novembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom