.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


28 ottobre 2012

Poesie...Appoggiata alla luna


I versi più belli
mi vengono in mente
la sera
quando appoggiata
alla luna
scrivo parole con polvere
di stelle
-Vulcanochimico-




21 agosto 2012

Poesie...Luna d'agosto


Quand'io non ci sarò, come in passato
la luna spunterà. Messaggio tenero
d'agosto. Il mare non vedrò che culla
ritmicamente il suo paesaggio eterno.
Che tristezza, romantica mia baia
di Santander! Sommersa in un ricamo
di sabbie. Nella sua cristalleria,
ermetica al mio viaggio dal presente.
Quando non ci sarò, quando una tinta
non rimarrà di questa luce mia,
e ruoterà la luna dissanguata
qui sull'avversa notte dell'estate,
verde freddo e notturno le sue croste.
Monti come profili di bisonti
con le stelle campate sulle teste.
Si vedranno volumi di montagne,
notte di navi, fredda notte d'onde,
ala d'infanzia morta che dispiumo,
solo un ricordo: tremolo di viole
grigio e sereno, un angelo di fumo.

-J.Hierro-

 






4 maggio 2011

Poesie: Tessitori di Nuvole...


I tessitori di nuvole
hanno
i piedi ben piantati in terra,
rivolgono
lo sguardo verso il cielo,
istoriano
nuvole di sogni,
intessono
trame di speranze,
spalancano
le porte del cuore,
aprono
la mente alle differenze,
ricuciono
ferite col sorriso,
dipingono
il coraggio di luce solare,
schivano
della notte la paura,
cavalcano
le scie della luna.
-Vulcanochimico-





10 agosto 2010

Canzoni...Suoni,Colori,Ritmi,Immagini dal Salento

-"Pretty Moon"-MissMikela e gli Insintesi-

...La luna poi mi parlera di te,io alzo lo sguardo e resto ad aspettare.

Sarai tu ciò che mi racconterà...

Ora parlo con la luna,ora parlo con te....

....E' chimica ciò che mi lega a te,ma è una reazione senza regole,

molecole impazzite siamo noi

per questo amore...

La luna poi ti parlerà di me,tu alza lo sguardo

e resta ad ascoltare.

Sarò io ciò che ti racconterà....

__________________________

Buona notte di San Lorenzo a tutti....A presto

-Vulcanochimico-

 




28 maggio 2010

Poesie...Canto alla luna


La luna geme sui fondali del mare,
o Dio quanta morta paura
di queste siepi terrene,
o quanti sguardi attoniti
che salgono dal buio
a ghermirti nell'anima ferita.
La luna grava su tutto il nostro io
e anche quando sei prossima alla fine
senti odore di luna
sempre sui cespugli martoriati
dai mantici
dalle parodie del destino.
Io sono nata zingara, non ho posto fisso nel mondo,
ma forse al chiaro di luna
mi fermerò il tuo momento,
quanto basti per darti
un unico bacio d'amore

.-Alda Merini-




28 maggio 2009

Poesie...Alla luna


 Alla luna

E, come una signora morente emaciata e pallida,
che innanzi barcolla, nascosta da un trasparente velo,
fuori dalla sua camera, guidata dai folli
e flebili deliri del suo cervello snervato,
l'animo si levò nel tenebroso est,
una bianca e informe massa.

Sei pallida perché
sei stanca di scalare il cielo
e fissare la terra
tu che ti aggiri senza compagnia
tra le stelle che hanno una differente
nascita, tu che cambi
sempre come un occhio senza gioia
che non trova un oggetto degno della
sua costanza?

-Percy Bysshe Shelley-





25 agosto 2007

Dei e Miti Sudamericani....El dios Itzamnà y diosa Ixchel

El dios Itzamná, el Señor de los Cielos, la Noche y el Día. Según los códices fue el primer sacerdote, inventor de la escritura y los libros. Itzamná era invocado principalmente para que evitara las calamidades públicas, pues se trataba de un dios benévolo siempre amigo del hombre.   
Ixchel era diosa  del amor, de la gestación,de la luna,las inundaciones,el embarazo,el tejido  y esposa de Itzamnà.

                                                       
 
Itzamnà per i Maya era il dio dei cieli,del giorno e della notte.
Venerato come un dio civilizzatore.A lui,infatti, si attribuiva l'invenzione della scrittura e del libro,l'istituzione dei rituali religiosi e la divisone delle terre e dei confini.
Sua moglie era Ixchel(donna che giace),era la dea della luna,nonchè della fertilità, delle partorienti e della terra era ritenuta anche una divinità malevola perchè considerata la dea delle inondazioni e degli acquazzoni.
-Vulcanochimico-

"La lettura dei buoni libri è una sorta di conversazione
con gli spiriti migliori dei secoli passati"
(Renè Descartes)



 



sfoglia     settembre        novembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom