.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


4 marzo 2009

Poesie....


-J.W.Waterhouse-

È facile andare avanti quando l'anima gioca -
Ma quando l'anima è in pena -
Il sentirla riporre i suoi giocattoli -
Rende arduo il cammino - allora -

È naturale, il dolore nelle Ossa, o sulla Pelle -
Ma Succhielli - tra i nervi -
Straziano più raffinati - più terribili -
Come una Pantera nel Guanto -

-E.Dickinson-




26 gennaio 2009

Solo parole...

 
-"Boreas"J.W.Waterhouse-

S'indignano per le parole,
bastano due righe e un turpiloquio
per accendere entusiasmi,
ma degli accadimenti
 di donne che
in gran silenzio curano ferite
che esternamente sembrano guarite,
non se ne importano niente...
Si può verificare
che uniscano a quel male
anche il loro sale,
rendendo quelle ferite
ancora più dolenti...

-Vulcanochimico-




26 novembre 2008

Arte ed Emozioni.....The Crystal Ball


-"The Crystal Ball"J.W.Waterhouse-

Per poter progettare un futuro migliore
è importante vivere  il presente imparando dal passato...
-Vulcanochimico-




23 luglio 2008

Dei e Miti....Greci: Narciso

 Narciso nel mito era un bellissimo giovane della Boezia, figlio del dio Cefiso e della ninfa Liriope. Tutti sia uomini sia donne si innamoravano perdutamente di Narciso, tra le spasimanti anche la ninfa Eco che distrutta dal dolore, si rifugiò nei boschi sino a svanire e diventare un’eco distante perché Narciso come per le altre spasimanti non se ne curò. Eco e tutte le giovani e i giovani disprezzati si appellarono ad una vendetta, fu così che Narciso si innamorò della sua stessa immagine riflessa in uno stagno. In una versione si consumò dal dolore e morì disperato; in un’altra si pugnalò a morte per la frustrazione. Dal suo corpo e dal suo sangue nacque un fiore bianco che gli antichi greci chiamavano “narkissos”(probabilmente un tipo di giglio, di iris, ma non quello che chiamiamo oggi narciso).Questo mito ha dato origine alle parole italiane “narciso” e “narcisista”. La relazione esistente tra narciso e un fiore locale, unitamente alla terminazione greca in “issos”, fa presupporre che Narciso fosse un dio o un semi-dio delle popolazioni pre-greche, assorbito nella mitologia greca nel II millennio a.C.


-"Eco e Narciso"-J.W.Waterhouse
Sulla vanità...
"Chi è gravido di vanità partorisce menzogne"

Un saluto affettuoso a tutti...a presto
-Vulcanochimico-





29 novembre 2007

Arte ed Emozioni...."I am half-sick of shadow said The Lady Shalott"

 
-John William Waterhouse-
Non sapendo quando l'alba possa venire
lascio aperta ogni porta,
che abbia ali come un uccello
oppure  onde, come spiaggia
-Emily Dickinson-
Un saluto e una buona giornata...A presto
-Vulcanochimico-



sfoglia     febbraio        aprile
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom