.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


3 aprile 2017

PENSIERI BONSAI..GUARDARE

E poi non sapevo più cosa guardare, e guardai il cielo

-Italo Calvino-




17 aprile 2014

I miei Auguri di Pasqua...




27 maggio 2012

Pensieri Bonsai...un silenzio,potrebbe esprimere cento intenzioni diverse


“Un silenzio, in apparenza uguale a un altro silenzio, potrebbe esprimere cento intenzioni diverse; anche un fischio, d'altronde; parlarsi tacendo, o fischiando, è sempre possibile; il problema è capirsi. Oppure nessuno può capire nessuno: ogni merlo crede d'aver messo nel fischio un significato fondamentale per lui, ma che solo lui intende; l'altro gli ribatte qualcosa che non ha nessuna relazione con quello che lui ha detto; è un dialogo fra sordi, una conversazione senza capo né coda".

-Italo Calvino, "Palomar”-




15 giugno 2008

A proposito di Spazzatura: Italo Calvino lo aveva previsto...

Vi propongo un articolo di Alfio Tarullo apparso su brindisisera il 5 giugno 2008.L'ho trovato interessante e pieno di spunti di riflessione...
Leonia: una delle città invisibili -di Alfio Tarullo-
Città nascoste, armoniose, rilucenti, tenebrose. In un viaggio immaginario Italo CALVINO descrive città situate nella fantasia, nascoste, armoniose, rilucenti, tenebrose tutte con un nome di donna (Diomira, Isidora, Dorotea, Zaira... ) Ed ecco LEONIA!
Nel 1972 l'ed. Einaudi pubblica "Le città invisibili", uno degli ultimi libri di Italo Calvino.
Non è un romanzo, non è una raccolta di racconti, non è un saggio.
E' la descrizione dei caratteri di varie città immaginarie, e quindi dei loro abitanti, nella loro totalitaria sembianza, senza diversificazioni, città che sembrano essere dislocate nell'est asiatico, nel favolistico mondo del “Milione" di Marco Polo per le esuberanti meraviglie e particolarità, anche confuse con le quali ci si rivelano.
Non sapremmo individuarle nella nostra vecchia e raffinata Europa.
Impressionante la caratterizzazione della città di LEONIA.
Calvino scrive nel 1972 (36 anni fa) lontano dalle problematiche odierne; è l'anno in cui cade il Governo Colombo e il successivo governo monocolore dc di Andreotti non ottiene la fiducia per cui il presidente Leone decreta le elezioni anticipate (per la prima volta nella storia della Repubblica); nell'Irlanda del Nord, a Londonberry, le truppe britanniche aprono il fuoco su una folla di manifestanti per i diritti civili e uccidono 13 persone; il presidente USA Nixon incontra il presidente della Repubblica popolare cinese Mao Tse-tung; ha luogo a Stoccolma la prima conferenza internazionale di ecologia.
Niente lasciava immaginare una Leonia circondata da un immane immondezzaio...


Le città continue di Italo Calvino
La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti, estrae dal più perfezionato frigorifero barattoli di latta ancora intonsi, ascoltando le ultime filastrocche dall'ultimo modello d'apparecchio.Sui marciapiedi, avviluppati in tersi sacchi di plastica, i resti della Leonia d'ieri aspettano il carro dello spazzaturaio. Non solo tubi di dentifricio schiacciati, lampadine fulminate, giornali, contenitori, materiali d'imballaggio, ma anche scaldabagni, enciclopedie, pianoforti, servizi di porcellana: più che dalla cose che ogni giorno vengono fabbricate vendute comprate, l'opulenza di Leonia si misura dalle cose che ogni giorno vengono buttate via per far posto alle nuove:Tanto che ci si chiede se la vera passione di Leonia sia davvero come dicono il godere delle cose nuove e diverse, o non piuttosto l'espellere, allontanare da sé, il mondarsi d'una ricorrente impurità. Certo è che gli spazzaturai sono accolti come angeli, e il loro compito di rimuovere i resti dell'esistenza di ieri è circondato d'un rispetto silenzioso, come un rito che ispira devozione, o forse solo perché una volta buttata via la roba nessuno vuole averci più da pensare.Dove portino ogni giorno il loro carico gli spazzaturai nessuno se lo chiede. Fuori della città, certo; ma ogni anno la città s'espande, e gli immondezzai devono arretrare più lontano; l'imponenza del gettito aumenta e le cataste s'innalzano, si stratificano, si dispiegano su un perimetro più vasto. Aggiungi che più l'arte di Leonia eccelle nel fabbricare nuovi materiali, più la spazzatura migliora la sua sostanza, resiste mal tempo, alle intemperie, a fermentazioni e combustioni. E' una fortezza di rimasugli indistruttibili che circonda Leonia, la sovrasta da ogni lato come un acrocoro di montagne.
Il risultato è questo: che più Leonia espelle roba più ne accumula; le squame del suo passato si saldano in una corazza che non si può togliere; rinnovandosi ogni giorno la città conserva tutta se stessa nella sola forma definitiva: quella delle spazzature d'ieri che s'ammucchiano sulle spazzature dell'altroieri e di tutti i suoi giorni e anni e lustri.
Il pattume di Leonia a poco a poco invaderebbe il mondo, se sullo sterminato immomdezzaio non stessero premendo, al di là dell'estremo crinale, immomdezzai d'altre città, che anch'esse respingono lontano da sé montagne di rifiuti. Forse il mondo intero, oltre i confini di Leonia, è ricoperto da crateri di spazzatura, ognuno con al centro una metropoli in eruzione ininterrotta. I confini tra le città estranee e nemiche sono bastioni infetti in cui i detriti dell'una e dell'altra si puntellano a vicenda, si sovrastano, si mescolano.Più ne cresce l'altezza, più incombe il pericolo delle frane: basta un barattolo, un vecchio pneumatico, un fisco spagliato rotoli dalla parte di Leonia e una valanga di scarpe spaiate, calendari d'anni trascorsi, fiori secchi sommergerà la città nel proprio passato che invano tentava di respingere, mescolato con quello delle città limitrofe, finalmente monde: un cataclisma spianerà la sordida catena montuosa, cancellerà ogni traccia della metropoli sempre vestita a nuovo.

C'è da restar sbalorditi nel leggere di Leonia, niente affatto invisibile, che non riesce a respingere oltre i suoi confini le repellenti montagnole circostanti composte dai resti abbandonati della civiltà quotidiana d'uso giornaliero, ed è in attesa di un immane cataclisma…
(a cura di al.tar.)


Un saluto affettuoso a tutti voi e un grazie di cuore al mio amico Alfio....Buona Domenica
-Vulcanochimico-
 



sfoglia     marzo        maggio
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom