.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


1 marzo 2016

VOCI DI DONNE,NON SOLO MIMOSE:IMAN MERSAL

Ho un nome musicale

Forse la finestra alla quale mi sedevo
preannunciava una gloria straordinaria.
sui miei quaderni scrivevo:
Iman…
Iscritta alla scuola elementare “Iman Mersal”
né la lunga bacchetta dell’insegnante
né le risate provenienti dai banchi in fondo potevano
farmi dimenticare la questione.

Pensavo di intitolarmi la nostra via
 a condizione che le nostre case venissero ampliate
e  che venissero costruite stanze segrete
affinché i miei amici potessero fumare a letto
senza essere visti dai fratelli maggiori.

Dopo aver abbattuto i soffitti per alleggerire lepareti
e avere tolto le scarpe delle nonne defunte, i vasi
e le scatole vuote che le madri hanno estratto dalla vita
dopo avere a lungo servito in altre strade.

 E’ anche possibile colorare le porte d’arancione
come simbolo di gioia…
e aprire dei fori affinché ciascuno
possa osservare le famiglie numerose
cosicché nessuno possa sentirsi più solo nella nostra strada.
“Gli esperimenti storici
sono frutto di grandi menti”
Così mi descriverebbero i passanti
mentre passeggiano sul bianco marciapiede
della strada che reca il mio nome.
[…]

Iman Mersal 

Come ogni anno, questo blog celebra la giornata internazionale della donna(non la festa) con
 VOCI DI DONNE e non solo mimose,pur amando immensamente i fiori...
-Vulcanochimico-




4 marzo 2014

Voci di Donne,non solo mimose:Fatma Qandil

Le chiavi che aprono le porte
sono le chiavi che le chiudono
sono le chiavi appese alla catena e non hanno che il dramma del tintinnio
ma la chiave che mi muore in tasca
mi ricorda che è tempo di essere una donna matura
che abita dimore senza chiavi né porte
Ogni giorno
nel passare velocemente per il metrò
appare una casa mangiata dal tempo
con una scala esterna di legno e una porta di lamiera
sempre aperta
ogni giorno
fino a che diventerà la mia casa
Sentirai un piccolo grido dalla gabbia dei polli
e la mattina scoprirai un uovo luminoso
e il volto della terra sfogliato
diecimila anni e siamo sereni
di ciò che Dio ha in serbo per noi
ma io…al mattino
con l’uovo fritto che è un sole abortito
sono presa da un’angoscia improvvisa

-Fatma Qandil ,”Silenzio di un cotone bagnato”trad.Gaia Parrini-




21 luglio 2007

Dei e Miti...Egizi: Maat

 Maat, Dea della legge, dell'ordine e della giustizia è figlia di Ra, ”Dio Del Sole. E’ giudice del tribunale dell’oltretomba e valuta le azioni terrene dei defunti.
La sua immagine nelle rappresentazioni funebri è spesso posta su un piatto di una bilancia. Gli antichi Egiziani erano consapevoli che la struttura dell'Universo potesse essere mantenuta e sorretta nella sua integrità solo facendo affidamento sull'equilibrio, sull'armoniosa coesistenza dei vari elementi che la compongono, ed  equilibrio,coesione e conservazione, erano riassunte nella parola "ma'at". Maat è rappresentata con un corpo di donna e una piuma di struzzo sul capo, perchè la piuma dello struzzo in Egitto era simbolo di giustizia e di equità; la scelta della piuma di struzzo deriva dal fatto che le penne di struzzo sarebbero tutte della stessa lunghezza. Maat, infatti, utilizzava la piuma quando presiedeva alla pesatura delle anime, come giusto peso nella bilancia del giudizio. La sua piuma era posta su uno dei piatti della bilancia usata per pesare il cuore del defunto durante il giudizio nell'aldilà alla presenza del dio dei morti: Osiride, se il cuore pesava più della piuma, l'anima del defunto era divorata da un mostro a testa di coccodrillo, altrimenti era accolta nei cosiddetti "Campi della Pace".
Maat era la protettrice dei giudici e la sua effigie presiedeva i giudizi
Fu venerata nel tempio di Montu, a Karnak.

"Non si deve giudicare il merito di un uomo dalle sue qualità,
ma dall’uso che sa farne."
(François de la Rochefoucauld )
Un saluto e un buon fine settimana
-Vulcanochimico-


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giustizia egitto dei e miti

permalink | inviato da vulcanochimico il 21/7/2007 alle 8:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia     febbraio        aprile
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom